giovedì 19 aprile 2007

Resoconto dell’incontro del giorno 18/04/2007

Resoconto dell’incontro del giorno 18/04/2007

Ore 08.00 arrivo dei primi precari in piazza della Repubblica affluenza che si è conclusa alle ore 11 causa ritardi di aerei/treni/traffico.
Nel frattempo le due ff.aa. M.M. e A.M. (ma l’esercito dov’era?) fraternizzavano e si davano un reciproco scambio di opinioni e informazioni e discutevano sulle iniziative da attuare nei giorni successivi.
I rappresentanti COCER M.M. che avevano un’audizione in giornata in commissione difesa Senato vengono avvicinati e fermati dalla totalità dei precari che si erano raggruppati.
Uno dei delegati ci assicurava che avrebbe informato la commissione difesa di essere stato fermato dai “precari” delle FF.AA.
Una delegazione dei “precari” si trasferisce alle ore 14.00 alla sede del Senato dove, alla fine dell’udienza in commissione il Vicepresidente della stessa Sen Giuliano Pasquale accompagnato dal Delegato COCER ci riferiva che la commissione appena ha appreso della presenza di una compagine di “precari” che attendeva notizie ha voluto esternare alla stessa delegazione il proprio pensiero e le proprie intenzioni sulla difficoltosa materia della stabilizzazione dei precari delle ff.aa.

E’ intenzione della commissione impegnare il Governo al fine dell’attuazione della stabilizzazione.
Lo stesso vicepresidente anche alla presenza del presidente della commissione ci ha consigliato di formare immediatamente un comitato al fine di esseri ricevuti in udienza dalla commissione stessa in tempi brevi.
La delegazione apprese queste notizie alle ore 17.30 forma un comitato e elegge quattro figure : Un presidente un vice presidente e 2 segretari. ( l’atto costitutivo del comitato sarà pubblicato in seguito sul blog).

Il comitato formato con il proprio statuto ha sottoscritto l’impegno ad aderire a tutte le iniziative svolte alla stabilizzazione dei precari delle ff.aa.

Tra le più importanti riporto la seguente:

Tra il giorno 7 e 11 maggio verrà svolta in una sala conferenze (molto probabilmente di proprietà dello stato) un incontro/confronto tra i precari e alcuni esponenti politici tra i quali ha assicurato la sua presenza il vicepresidente della commissione difesa senato. Le modalità verranno pubblicate sul blog in seguito.

Scusatemi per la forma del testo postato ma sono rientrato da appena due ore dall’incontro di Ieri.

Giuseppe

P.S.
Un ringraziamento a tutti gli intervenuti ieri.

31 commenti:

Anonimo ha detto...

Dov'era l'esercito?
Ecco la risposta:
l'esercito non ha gli AUFP, tranne alcune mosche bianche "Biologi" o simili, di numero risicato.
La maggior parte sono ex AUC, ma i corsi aventi i requisiti per la stabilizzazione saranno al massimo 5 a ritroso dal 190°, quindi sino al 185° o giù di lì.
Invece di AUC incaz.... ce ne sono parecchi: sia perchè non fanno corsi AUFP esercito Armi varie o Amministraz. e comm., sia perchè la cosiddetta stabilizzazione non include corsi più vecchi (mancanza di requisiti).
Noi Esercito (almeno io), vorremmo una redifinizione del discorso passaggio in Spe, che sia un pò più aderente alla nostra particolare situazione.
Adesso come adesso, nell'esercito, passano in spe come Ufficiali solo i Marescialli e quelli dell'Accademia, addio passaggio per chi è stato precario AUC.
Chissà che non vi freghi qualcosa pure di noi, poi non vi lamentate che non c'era l'esercito: per noi è un caso particolare "ignorato"!
Saluti alla delegazione.

The Aviator ha detto...

Io sono stato, ripeto, sono stato precario AUC, degli ultimi corsi.
Si è vero, l'AM non annovera tra le sue poche decine di AUFP, nessuno che ha i requisiti per la stabilizzazione, ma io c'ero e come me ce n'erano altri che precari non lo sono più.
Perchè almeno quelli dell'E.I. che hanno i requisiti non sono venuti?
Fuori della sede del Senato, quando ci è stato chiesto chi erano le FF.AA. rappresentate ieri, ci è stato anche chiesto dove fosse l'E.I.

francisdrake ha detto...

Ma l'Esercito non ha all'attivo 4 corsi AUFP?

The Aviator ha detto...

mi sa di si...

Lantuin ha detto...

7-12 MAGGIO non 7-12 marzo!!!

Daniele ANTOLINI
123° AUC

P.s.: SBLOCCATEMEEEEEEEEE!!!! :-P

Ten. A.M. ha detto...

daniele scrivimi una email cosi vedo il tuo indirizzo dove riceverai un invito a collaborare al blog

Anonimo ha detto...

da chi è costituito il nostro comitato?

massimo X ha detto...

il comitato è una cosa sacrosanta anche perchè qualche dato potrebbe essere falsato dai nostri capi, un consiglio spassionato nella mozione tofani n. 71 ci sono rappresentate tutte le magagne e riporta molto verosimilmente la situazione dei corsi ausiliari della marina.
forse qualcuno deve capire che non può pensare di gestire le FFAA come se fossero proprie sistemando i figli tramite i soliti concorsi fasulli, facendo fare agli UFP mansioni di personale in spe.
Una mia considerazione personale visto che non siamo più troppo giovani e che hanno disatteso alle aspettative proposte dal bandi di concorso, sono del parere che un transito in spe in marina o anche ina altra amministrazione, protezione civile o enti pubblici potrebbe essere una soluzione.
II^ AUFP
Massimo X

Anonimo ha detto...

Io sono un AUC dell'esercito avente i requisiti per la stabilizzazione, ma mi devo scusare con tutti coloro che erano presenti il 18.Purtroppo non sono potuto venire per via di un esame universitario per il quale ho studiato diversi mesi.
CHIEDO SCUSA A TUTTI

massimo X ha detto...

Sempre per il comitato X, rinfrescate la memoria ai nostri nostri dirigenti relativamente a leggere la legge 368/01 e le sentenze della Corte di giustizia europea

Massimo X ha detto...

Sempre per il comitato , rinfrescate la memoria ai nostri nostri dirigenti relativamente alla legge 368/01 e alle sentenze della Corte di giustizia europea

Anonimo ha detto...

Si nell'esercito ci sono 4 corsi aufp, ma ancora nessuno a terminato i 30 mesi! Il I li terminerà ad Agosto e non si sa se ci sarà la rafferma...

jem79 ha detto...

Già la Legge quadro e la sentenza 1999/70/CE!
Buon Lavoro

massimo X ha detto...

la responsabilità dei dirigenti è personale, cosa farebbero se noi impiantassimo una azione civile per risarcimento dei danni per mancata assunzione. i CC in estate del 2006 fecero uscire un articolo che denunciava la loro situazione e minacciava un risarcimento di centinaia di migliaia di euro procapite per la mancata assunzione superiore a un periodo contrattuale di tre anni
bisogna far capire che non siamo dei ciucci, ma che le leggi si applicano
massimo X

Anonimo ha detto...

CIAO SONO L'ANONIMO SUGGERITORE.
LUNEDI' 23 VADO SOTTO I BISTURI.
MI STO CAGANDO SOTTO......

Comunque....il mio suggerimento è quello di non farsi troppe pippe mentali sulle possibili azioni politico-governative a nostro favore.
FANNO TUTTI ARIA FRITTA!!!!
A questo punto si aspetta solo la sentenza del T.A.R._ Solo quella ci può salvare. Perchè per quanto sia vero che gli effetti di un giudicato non sono erga omnes ( e cioè estesi anche a terze situazioni giuridiche) e alrettanto vero che una sentenza in favore dei colleghi ricorrenti avrebbe come ripercussione innanzitutto quella di sollecitare l'Amministrazione a "riparare il riparabile" onde estendere ulteriormente il danno.

Per il resto bene hanno fatto coloro che hanno deciso e potuto partecipare all'incontro del 18 a Roma.

CIAO L'ANONIMO SUGGERITORE

Anonimo ha detto...

Ancora una cosa: continuo a ribadire la NECESSITA' di pubblicare un articolo ad effetto sciogli-stomaco.

ANONIMO SUGGERITORE

jem79 ha detto...

Ottimo tutto quello che è stato fatto ma una domanda mi sorge spontanea...La nascita di un Comintato per chiedere il rispetto dei nostri diritti ... ed il COmitato Interforze di Rappresentanza allora? A che sercono Co.CE.R e CO.I.R.???
Il mondo va sempre più al contrario

massimo X ha detto...

lo sappiamo che il cocer è solo presenza.
Ora che la situazione si stat evolvendo scendono in gioco.
quando abbiamo richiesto un intervento pochi rappresentanti si sono attivati.
ma tutte i contatti e le trattative le dovevamo fare noi,a gruppo o singolarmente, o doveva essere il cocer.

Anonimo ha detto...

Qui si sta creando tanto di quel casino che state mandando su tutte le furie lo smd. Allora i requisiti previsti dal comma 519 della finanziaria 2007 parlano di contratti con la Pubblica Amministrazione. Ora tutti gli AUC hanno fatto un puro e semplice servizio di leva da ufficiale. Non era un contratto a tempo determinato. Diversamente può essere considerata la rafferma che però è di 24 mesi e non arriva ai 36 mesi previsti per la stabilizzazione. Ora capite perchè lo smd fa ostruzionismo? C'è troppa carne a cuocere troppe pretese!!! Un ex AUC che ora è dirigente!!!

Anonimo ha detto...

aver fatto un servizio di prima nomina non è un demerito e ci sono sentenze della corte di cassazione che equiparano il servizio prestato come effettivo servizio non dirigenziale alle dipendenze della P.A. quindi tutti gli Auc che hanno stipulato la ferma prima del 29 sett 06 stiano tranquilli.
Mi preoccuperei piu per gli Aufp che stipuleranno la rafferma dopo suddetta data che quindi non giungono ai 36 mesi.

Anonimo ha detto...

concordo e poi non tutti dovevano assolvere gli obblighi di leva e non parliamo di dirigenti ma personale non dirigenziale quali eravamo e come previsto dalla finanziaria 2007.

Anonimo ha detto...

La finanziaria parla di contratti (non di servizio di leva) che vi ricordo è la libera volontà di due o più parti per costituire, regolare o estinguere un rapporto giuridico patrimoniale. Che la corte di Cassazione lo chiami servizio effettivo non dirigenziale (comunque da leggere e valutare in che ambito) entra solo nel merito del SERVIZIO DI LEVA svolto. Ma era è e resterà un "dovere" da cittadino.. Mio cugino ha fatto l'AUC dal 2000 al 2004 anche lui rientra? Se si Allora anche mio zio rientra? Se si allora anche mio nonno.....

Anonimo ha detto...

gli AUC hanno solo fatto il loro dovere. Cosa centrano loro con la prfessionalizzazione delle FF.AA.? Servivano solo a fare numero nelle Forze Armate (infatti erano ragazzi alla prima esperienza lavorativa) Mica hanno aggiunto un di più come chi aveva già lavorato o aveva più anni di vita e lavoro...

The Aviator ha detto...

Vi ricordo che tra i possibili beneficiari della stabilizzazione c'è chi aveva già volto e completato il servizio di lva obbligatorio ancor prima di ENTRARE, dico ENTRARE (non concorrere) per fare l'AUC...
ergo...

Anonimo ha detto...

allora tutti quelli che hanno fatto il servizio di leva (10 mesi) e poi hanno lavorato 26 mesi in un'amministrazione pubblica nei cinque anni addietro si facciano avanti... arriveremo al milione di persone coinvolto nel comma 519 della finanziaria

Anonimo ha detto...

prima del 24 forse è il caso di fare qualcosa.....

Ten. A.M. ha detto...

carissimo anonimo che cerci di diffondere mere stronzate e creare il panico agli A.U.C. che hanno diritto alla stabilizzazione ti pregherei di firmarti come tutti quanti gli altri aninonimi. il sottoscritto quale uno degli amm. e ideatore del blog provvederà ad eliminare tutti i commenti non firmati.
In merito a quello che ho letto cerco di far chiarezza.
chi ha fatto 36 mesi o li farà nello stesso profilo e quindi nello specifico se è nello "status" di ufficiale ausiliario vuoi di complemento vuoi in ferma prefissata non fa nessuna distinzione

The Aviator ha detto...

mmm, forse non mi sono spiegato.
Dopo aver assolto agli obblighi che si avevano con lo Stato, uno decide di fare il concorso per diventare Uffciale di Complemento.
Lo vince e poi per restarci vince anche la ferma.
Dov'è il vincolo obbligatorio per Legge in questo caso?
Sembrerebbe che qualcuno pensi che meno siamo e meglio è...

Matahari ha detto...

L'ufficiale di complemento "è" il servizio di leva, infatti per fare il concorso da AUC in qualunque forza armata non bisognava aver adempiuto agli obblighi di leva... ripeto che l'unico contratto stipulato dagli AUC è stata la rafferma di 24 mesi! il corso, e la prima nomina era solo il servizio di leva (obbligatorio)...
Distinti saluti

Anonimo ha detto...

Mathari, forse tu non capisci, io ho questa sensazione. Il servizio prestato come Ufficiale di Cpl è comletamente volontario ancorchè valga come servizio di leva. Ciò lo si evince dal fatto che si fa un concorso, che bisogna avere dei particolari requisiti e che se non si è idonei si va a casa e si presta servizio come un soldato di leva. Il contratto lo si firma ugualmente, in quanto se si è idonei al corso si è tenuti obbligatoriamente a restare in svz per i successivi nove mesi e non dunque 10 mesi in tutto come è per il servizio militare classico.
Giank 123 AM

Lantuin ha detto...

Forse non ci siamo capiti: non c'è distinzione tra leva e non leva. Io ho firmato un contratto con la pubblica amministrazione il mio primo giorno di AUC firmando le carte di arruolamento. La differenza con il normale servizio di leva è che ho fatto un CONCORSO PUBBLICO VOLONTARIAMENTE e l'anno dopo ne ho fatto un altro con la ferma biennale, non c'è da dire altro.